Brodino dei ravioli

On air – Petite fleur –

Mr Bluemood ed io siamo in attesa ormai da quasi 11 settimane.

Niente sembra essere cambiato salvo quello che scopri da sola ed è quello che le mamme omettono di dirti, a te, figlia, che un giorno dovrai passare dall’altra parte, la loro, e a me, non lo ha detto. Siamo tutte diverse, ti affidi a quello che le amiche, che ci sono passate prima di te, vogliono dirti, quindi…un giorno a settimana emesi continua, poi benessere, nessun problema, chi non ha sofferto di nulla.

Innanzitutto questi mesi sono trascorsi nelle mattinate narcolettiche, ma anche nei pomeriggi, e quando non possibile appisolarsi, gli sbadigli erano in media superiori alle centinaia. Da quasi due mesi la nausea mi accompagna dal risveglio al momento del sonno notturno. Il disturbo degli odori, i più disparati dall’odore della carne a quello del brodino dei ravioli di cui Mr Bluemood sembra essersi innamorato, al profumo al sandalo e patchouli che ho obbligato a comprare e che ora vorrei sparisse dal nostro armadietto del bagno. La mia nausea poi è accompagnata da continua sensazione di non aver digerito (chissà cosa poi?) e dall’ossessionante immagine di pizza, qualsiasi va bene…e poi arriva mamma a dirti “Figlia anche io soffrivo di nausee, e poi arriva l’acidità di stomaco…” E poi arriva la stipsi…ed ho detto tutto.

La cosa che mi ha destato l’attenzione è stata la mia insonnia notturna ed il mio continuare a pensare…uno dei primi film che mi sono fatta è quando da adolescente lei o lui mi chiederà di essere portato/a in qualche discoteca della provincia…e ad una certa io e mr bluemood saremo lì fuori ad aspettare e potremmo passare per due pedofili e/o spacciatori…e lì dentro cosa succede?…ben 15 anni fa mio padre mi portava alle 21.30 e alle 24 era fuori che mi aspettava e se non venivo fuori da sola, veniva a prendermi lui dopo avermi chiamata per ben 25 volte al cellulare. Che figlia!! Poi ho creato una nuova trama alias metto al mondo un mostro, un bullo/a che picchia tutti, che incute timore e che va allo stadio in curva con i tifosi che pensano che la Terra sia piatta, che l’olocausto non sia mai esistito, che fanno il saluto fascista e che possiedono, ma forse non leggono, Mein Kampf. Un film horror, un incubo!!

Ecco tutte queste mie fantasie malate non sono state riportate al mio consorte, in quanto lui preciso e molto deciso ha già addocchiato un asilo nido di orientamento montessoriano proprio vicino a dove ci trasferiremo…e ha pure visto le elementari…

Io che ho sempre pensato alle scuole pubbliche e non a quelle private in cui, mi viene confermato da chi ci insegna, i giovani si bullizzano e si sentono autorizzati a dire e fare perchè abbiamo la grana che ci avanza da ogni poro…no! Dico no!

Ma perchè la società è così esagerata?

La cosa che vorremmo per il piccolo/a è che sia felice, indipendentemente da tutto, cosa non banale.

Nascerà in settembre…mi immagino già con le gambe gonfie, una pancia da donna che dovrà mettere alla luce almeno 3 bimbi, no, non credo che il seno aumenterà, unico sogno e auspicio, mi sentirò in colpa per ogni cibo inserito nelle mie fauci e per ogni Kg di troppo rispetto al normale, e invidierò chi ha mantenuto una linea invidiabile anche in gravidanza. Fare passeggiate aiuta…certo…poi hai il fiato corto e la tachicardia…cose strane fa la natura. Poi pensi che tutte ci sono passate Cristina Aguilera era rimasta bella rotonda anche dopo il parto, poi pensi a Beyoncé che è bella sempre per poi sentirti dire dalla voce suadente di Mr Bluemood che anche Irina Shaick era ingrassata (ma anche con la pancia era perfetta)…e comunque dopo 3 mesi era più in forma di prima…

I pensieri sono tanti…credo che siano gli ormoni a farla da padrona in questa situazione…voglio vederla così.

Advertisements

Come passa il tempo

Sono sul divano spiaggiata come solo una balenottera può esserlo in attesa che qualche contrazione si faccia sentire.

Siamo alla 38a settimana e qualche giorno, nonostante tutti questi mesi di preparazione alla genitorialità, non mi sento pronta! MrsempremenoBluemood mi dice “Che certo che siamo pronti”, per fortuna c’è lui!!!

Una gravidanza nella norma, salvo la nausea sino al quinto mese, gli incubi pulp che i film di Tarantino sono niente al confronto, e poi la rinascita nei tre mesi seguenti…ora il nono è difficile…i kg di ritenzione pesano e muoversi con disinvoltura è un lontano ricordo. I piedi e le mani si gonfiano già al mattino, il caldo estivo non ha aiutato, e la diuresi si contrae senza un perché.

Non apprezziamo adeguatamente le nostre madri e lo sforzo che ci vuole tra il pre e il post parto…fisicamente e psicologicamente è una rivoluzione!!

La gravida è adorata come una dea portatrice di fertilità universale, con eccezione di chi ti guarda come un cetaceo grasso e te lo dice pure…quando poi sfornerai la creatura frutto dell’ammmore…ognuno dirà la sua, non si fa così, ma perché cosà, non hai perso ancora i kg di troppo, tutti toccheranno il piccolo, usi la fascia?, io mai avuto problemi con l’allattamento, e i vaccini? niente commenti sui vaccini perché li faremo tutti…

Sembra un incubo…ma non mi è d’obbligo ascoltare tutti!

Quindi…chi volesse lavarmi, stirarmi, cucinarmi, pulirmi casa e farmi la spesa, magari aggiungendo parole dolci e di conforto, si faccia avanti! Siamo a metà di trasloco e sistemazione della nuova casa, quindi di lavoro ce n’è…

Durante la fila.

On Air – Total eclypse of the heart – 

Oggi è lo snow day, pochi gradi sotto lo zero, ma credetemi, si sentono tutti, e pochi cm di neve. Lo vedo che siamo provati dal freddo, noi che, seppur del nord, seppur avvezzi al gelo, avvezzi non lo siamo per davvero. Vedo i volti di persone che camminano tutte imbacuccate per le strade diventare rubicondi quasi da ustione e mi rendo conto che l’inverno non si è risparmiato e il famigerato “calore” che solo le gravide sentono, io non lo sento affatto. Ovvio non è un dramma!! Infatti dopo un confronto con una coppia di amici norvegesi…è inutile dire che Norvegia 1- Italia 0. Nel loro giardino hanno 1 metro di neve, -20°C, insomma…cosa ci lamentiamo?? Ci si comporta un po’ come gli inglesi che parlano sempre del weather o come gli anziani…italiani.

Ho qualcosa da dire su questa fascia di età. Tutto nasce da una mia riflessione fatta qualche giorno fa quando mi recai a Brescia per una visita. Innanzitutto il parcheggio di questa struttura era gratuito, alcuni parcheggi a pagamento, ma altri, molti altri, gratuiti. Questo è lodevole. Primo punto!

Secondo punto a favore: alle casse priorità per le donne gravide. Ho il mio pulsantino su 4 da toccare e voilà dopo pochi minuti è il mio turno. Questo non è sinonimo di struttura funzionante o all’avanguardia, sia chiaro, ma è un’attenzione all’utente non indifferente.

Comunque volevo dire due parole sulla fascia di età alla quale pago la pensione, perchè durante la mia visita a Brescia pensavo alle code, ai nonni e al rispetto.

Spesso durante le lacune temporali quando sei in fila e non puoi fare altro che percepire il fatto che quel tempo di attesa è come se non esistesse, mi rendo conto che osservo cosa fanno gli altri. Madre e figlia straniere che discutono metà in italiano (con chiaro accento delle valli della figlia) e metà in arabo, un signore che guarda malizioso la donna che si reca allo sportello che indossa pantaloni di pelle bordeaux e tacco 12 dello stesso colore, la mamma che è un po’ in imbarazzo perchè la propria bimba corre per tutta la sala d’attesa…e poi ci sono loro…

E’ appurato che durante le file per la prenotazione di qualsiasi cosa, in qualsiasi tipo di fila, loro, tendano a non rispettare la coda, che facciano finta di non capire dove finisce, ma vedono bene dove inizia, eh!! e che spaesati non capiscano quale tastino digitare per avere il numerino. Hanno alle spalle l’esperienza ed è così che sono diventati dei maestri in quello che fanno…e tu non riesci a dire niente perchè ti ricordano i tuoi nonni e poi sono sicuramente molto più acciaccati di te…quindi li fai passare, ma se lo si fa notare…ti guardano come se tu fossi il mostro di Firenze…e magari rispondono “ehh vabé oramai siamo qui”!!

Un altro episodio mi ha destato interesse sul loro comportamento coatto. Era il primo pomeriggio al centro prelievi, poca gente era presente, nessuna fila da fare. Mi reco davanti ad uno dei 3 (ben 3) monitor liberi per prendere il mio bigliettino, in quel momento mi suona il cellulare, tempo di rispondere e vacillo di fronte al monitor, ma intanto leggo quale tasto digitare…una coppia di gentili signori, mi urta senza pensiero e si accaparra il mio monitor…poco importa se altri 2 erano liberi, volevano proprio quello…e poi siccome il touch screen ha le sue insidie, ho anche aiutato la coppia a scegliere il loro biglietto…perchè sono stata una giovane marmotta.

Non aggiungo altro perchè non ho altre parole.

Buono snow day a tutti!

Ma un po’ di azzi vostri, no?

La storia infinita!!!

Dev’essere una questione di aria, cioè l’aria che si respira è costituita, oltre che da polveri sottili, da qualche sostanza che a contatto con il cervello va ad innescare delle aree della corteccia, quella più profonda, che dà ad alcuni la libertà, la vocazione, il diritto, di esprimere opinioni o giudizi in merito agli azzi miei indipendentemente dall’aver chiesto o no pareri.

Questo è il mio dilemma di oggi. Mi sono interrogata più e più volte sull’argomento. Diciamo pure che la gente, generalizzo, è portata alla ricerca dell’edonismo, e questa ricerca è dunque personale, se io trovo l’acme edonistico nel cioccolato in ogni suo stato, in una giornata di sole in cui sono di riposo, nella compagnia di un amico, esiste anche persona dotata di medio/alto intelletto che trova, evidentemente, piacere nel ficcare il naso nelle scelte altrui, sparpagliando deiezioni e arricchendo di dettagli fantasiosi i pettegolezzi sui suddetti azzi degli altri.

PERCHÉ?

Ho cercato sul web letteratura inerente. A parte numerosi forum in cui chi chiede spiegazioni passa dalla parte della “vittima”, ruolo che non mi va di interpretare, ho trovato un sito spassoso…geniale!

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Gente_che_non_si_fa_mai_i_cazzi_suoi

Quindi ho preso spunto da uno scrittore gesuita spagnolo del XVII secolo un certo Baltasar Gracian…uno saggio che scrive questo:

Prevenire le voci maligne. Il volgo ha mille teste, e perciò possiede migliaia d’occhi per la malizia e mille lingue per il discredito. Avviene talora che corra tra la gente una voce maligna che reca disdoro al credito più grande, e se mai giunge a diventare sentenza comune, distruggerà del tutto la reputazione. In generale le si offre un punto d’appoggio con una marchiana scortesia o con ridicoli difetti che danno plausibile materia alle sue maldicenze; vi sono però pettegolezzi che passano dall’emulazione di pochi alla malizia di molti, sì che le bocche malevole divengono numerose e rovinano un’altissima fama più velocemente con un motto di spirito che con un aperto attacco. È assai facile farsi cattiva fama, perché il male è sempre credibile e si fatica molto a cancellarlo. Cerchi perciò l’uomo saggio di non esporsi a siffatti affronti, contrastando con la sua prudenza l’insolenza , volgare, perché è più facile prevenire che rimediare.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Ragazzi questa è storia…e con questo è tutto!!!

PRIMO

Cosa ho fatto oggi?

Sono andata a fare mattino 7-14.

Ieri a casa di madre cena abbondante, vino brillante, notte serena questa mattina mi sentivo ancora piena come un uovo. E mi sono anche privata del secondo per evitare di digerire dopodomani…il dolce quello no…non si può saltare!

Mi sono sentita una chef…ho cucinato antipasti, ho manovrato sac à poche e fatto polpette di lenticchie dal cuore filante… ho quindi scoperto che…mangiare è sempre meraviglioso, mangiare cibo buono e fatto con AMORE è ancora meglio…

La cosa più complessa è fermare la voglia di cibo ipercalorico…ora che il mio stomaco, messo a tacere per mesi dietro a costanti diete, iper attività fisica e pranzetti contenuti a basso regime di carboidrati, si è dilatato senza troppo sforzo e con gioia di fronte a salumi, pesce, insalata russa, casoncelli e lardo da spalmare…ora che ho graziato i miei sensi, sarà più difficile tornare a come era prima delle feste…la voglia di prelibatezze grassose permane! Cosa darei per una fetta di panettone artigianale…

Per la prima volta in vita mia ho fatto bilanci, ho guardato me nel corso di questi anni…ho sentito la fatica di arrivare meglio che potevo al giorno dopo, ogni giorno avevo il sentore e mi convincevo di non essere mai abbastanza, che dovevo fare di più, dovevo essere quello che non ero, sempre fare ed affannarmi, quindi, insoddisfatta, sempre affamata di qualcosa. In qualsiasi campo. Avevo sempre il senso di colpa, sempre il marchio…ho sbagliato io e questo pensiero di fallimento mi perseguitava…il dire e il non essere capace di dire.

Ho guardato indietro nel tempo, alla fatica del percorrere gli alti e i bassi, alla fatica del cammino da sola e a due, compresa la paura di perdere quello che avevo per via di “neo” e l’ansia che ne è emersa, la lontananza dal mio compagno sia fisica che di intenti, la fatica di guardarmi dentro e scoprire che bisogna sempre lavorare su se stessi per non essere preda dei propri limiti, per non farsi cambiare dagli altri.

Facile dire che tutto questo è una fase grigia della vita passata. Io ad oggi sono ancora così, ma sono anche mooolto diversa. Sono felice di cogliere in me quella ragazzina un po’ folle e un po’ inquieta, sento ancora tremulare i cocci del mio vaso se lo si urta appena appena, ma sono anche consapevole che mi amo così, che mi piaccio da morire!!!! Che sono abbastanza forte per evitare di farmi male, esco da lavoro e l’aria a volte profuma, altre volte sa di dado (la mensa è sempre all’opera), ma sono felice perché ho quello che amo vicino a me e che ho costruito con coraggio.

Ho capito che prima degli altri ci sono io, io e il volermi bene, e che spesso le situazioni spiacevoli o di sofferenza vengono messe lungo il sentiero che si percorre perché si deve capire qualcosa. Ed io l’ho capito! Ho capito che la vita ci dà delle chiavi per aprire cassetti chiusi. Qualche cassetto contiene qualcosa di noi, altri sono da riempire con informazioni ed altri ci forniscono la soluzione dei dilemmi che ci obnubilano.

Il meccanismo non è immediato, ovviamente più ci si interroga più la crisi aumenta…ma se la si prende come uno stimolo spettacolare, un senso momentaneo in attesa di una risposta, lo si trova. È segno di evoluzione. E poi forse capiremo.

Questo perché volevo solo esprimere gratitudine, gratitudine per quello che ho e per quello che sono, gratitudine per questa pace dentro.

Oggi è il primo giorno di un nuovo anno, ma solo sul calendario…io mi auguro che ogni giorno sia così. Mi auguro ricerca e qualità nelle relazioni, mi auguro alti e bassi che possano fortificarmi e aiutarmi a prendere la vita come si deve.

Mr bluemood lo scelgo ogni giorno, lui c’è per me nel modo giusto, il suo!!!!! Ci auguro di realizzare i nostri sogni, edi pensarnedi nuovi, di poter crescere insieme aspettandoci senza ansie, di poter gioire del nostro quotidiano, di meravigliarci, ci auguro follia e sentimento sempre.

Work in progress 

Ma quanto è bello dedicarsi alle cose che ci piace fare? Mi sono messa ad impastare un lievitato chiamasi Cinnamon roll cake. Lo provai ben 8 anni fa a Berlino, viaggio che mi regalai con la mia amica Zazie, post delusione d’ammmmmore infertami da “adone riccioluto”…per me era un adone vero e proprio. Quanto mi piaceva lui e i suoi ricci e gli occhi turchini. Proveniente da famiglia benestante, con una casa pazzesca in zona in della città, mi sentivo come in un film del ’68. Non so dire perché…forse per i suoi pantaloni di velluto. Finì perché sapevo non sarebbe durata…forse perché era dei pesci e…piccolo dettaglio aveva una biondina per amica.

Comunque nella metro tedesca U-bahn  piccoli chioschi offrivano squisitezze da leccarsi tutte le falangi, sandwiches, mini baguettes, bretzel di tutti i tipi e questi perfetti dolcetti a spirale che grazie al burro andavano lisci lisci dal bancone del chioschetto sino al mio stomaco a prezzi irrisori.

Poco tempo fa girovagando qua e là, nella rete, mi sono imbattuta in diverse e snellissime food blogger (come faranno?)che proponevano la ricetta del mio dolce di consolazione amorosa.  Internet mi ha quindi ispirata. 

Non so se amate la cannella, io si moltissimo, e non so cosa ne pensate del burro (non può mancare nel mio frigo, fosse salutare e dimagrante una volta a settimana mi regalerei una demi baguette con il burro salato). Questi sono gli ingredienti principe della ricetta. Quindi mi sono messa all’opera, planetaria ha fatto la sua parte in modo egregio, io ho finito a mano di impastare e…sentire un impasto così morbido ed elastico é solo merito del burro, il cui profumo è ancora sulle mie mani.

Ultimo pensiero va al mio mr bluemood,  con cui ho intrapreso un nuovo progetto a lungo termine, che con tanta pazienza e fiducia assaggia le mie creazioni culinarie, amerà il butter cinnamon cake!!! 

Appena appena…

Ho deciso di rompere il silenzio.

Non ho abbandonato questo mio spazio, l’avevo solo sepolto tra la polvere, ed ora che ho fatto pulizia, posso dare libero sfogo ai miei pensieri.

Andando per ordine, Mr bluemood ed io abbiamo deciso di compiere il grande passo, quello di convolare a nozze, finalmente, siamo felici e lui non è poi più così blue, anzi ha un bel colorino!!

Ma quello che oggi voglio esprimere è la mia delusione sul mondo femminile. Mai avrei pensato di dover dire una cosa come questa, mai in vita mia avrei creduto di poter perdere fiducia nelle mie simili. Sia ben chiaro ho riflettuto a lungo, per un anno intero su questa tematica, e appena appena si riacquista fiducia, un qualsiasi cosa mi disillude!

Esistono tipologie di donne molto diverse, io non voglio fare un trattato, ma analizzo i rapporti che si creano nell’ambiente lavorativo soprattutto quello a prevalenza femminile. Cosa succede, dunque in questi contesti?

Si hanno diverse categorie:

La full time indaffarata tra lavoro e famiglia e tutto il mondo che sta fuori, a lavoro trova sfogo dalla famiglia, tendenzialmente si fa i fatti suoi e non disprezza il lavoro.

La full time fashion victim divertente e stravagante, quando la si ascolta alle volte si trattengono le risate, altre volte vorresti sotterrarti…tendenzialmente si fa i fatti di tutti.

La full time single è alla ricerca di qualcuno che la possa amare o non cerca nessuno. Spiritosa o taciturna.

La full time single acida, qui saliamo di categoria, si tratta di una donna moooolto arrabbiata con il genere maschile e, la maggior parte delle volte ha ragione di esserlo, non vuole avere più niente a che fare con l’altro sesso, vede di cattivo occhio tutte le colleghe accoppiate, pensa che tutte le relazioni siano tristi e che la donna in coppia sia o sottomessa o tiranna. Vorrebbe avere un uomo, ma dice di aver raggiunto un proprio equilibrio.

La full time “sfigata” alias colei che viene a lavoro per lavorare, prova piacere a scambiare chiacchiere e confidenze con i propri colleghi e cerca di rimanere sul vago sulla propria vita privata. Tendenzialmente non cerca il pettegolezzo ed è l’ultima a sapere le novità.

La part time si divide in: colei che nonostante abbia meno ore da lavorare sa più di te che sei full time, tendenzialmente è informata da delle colleghe sulle chiacchiere. E poi c’è la part time che si lamenta perchè è stanca e tu che sei full time vorresti farle violenza e poi quelle part time che quando vengono a lavoro sono in vacanza…rilassate senza occhiaie e tranquille.

Queste descrizioni non sono per screditare il genere femminile, ma per aiutare a capire e riflettere la multi-sfaccettatura e la complessità dei rapporti interpersonali lavorativi tra donna e donna. Mi spiego meglio.

Molto spesso mi sale il sangue alla testa quando sento parlare di solidarietà femminile, o di come sono forti le donne, superano tutto, sono più mature ecc…è tutto vero, ma alcune donne, mettono in discussione tutte le caratteristiche positive che ci contraddistinguono.

Questo discreto gruppo, di iene ridens travestito da agnellini innocenti e teneri, è sempre pronto a provare pura gioia se una collega è in difficoltà. Scrutano con i loro occhietti vispi i movimenti di chi non è degno di appartenere al branco, con avida fame di cogliere la povera in errore durante il lavoro…eh se per disgrazia questa è appena appena più in gamba professionalmente di loro, se questa appena appena ha una vita fuori dal lavoro e la vive con felicità, se questa appena appena non coglie il marcio in ogni persona che si incontra, se questa appena appena è più carina di loro…allora sei fottuta…si va a toccare la vita personale e quindi si dà il via al toto-pettegolezzo rigorosamente fatto alle spalle della sfortunata, ma essendo l’ambiente fatto di donne, prima o poi, più prima che poi, le cose saltano fuori…quindi cosa fare?

Non ho una risposta, le iene ci sono sempre state e sempre ci saranno, oggi sono io il loro bersaglio, domani toccherà a qualcun’altra…basta che se ne parli…ed è gia un successo!

Mi sorprendo a giustificare i commenti di questo discreto branco perchè cerco di collocarle nella vita reale, fuori dall’ufficio o dal negozio o dal reparto…cercano di fare gruppo e di trovare il marcio per sentire meno il peso della propria esistenza?

Non ho una risposta. Mi ritengo fortunata ad avere una mia testa con cui pensare e non dover per forza voler cercare di far gruppo alle spalle delle altre. Le parole feriscono, gli sguardi fanno male. Ed io non sono nessuno per giudicare.

Sono stata educata a cercare il bello nelle persone, a sentirmi ricca nel condividere con altri momenti e spazi.

E’ come un viaggio, incontri gente che diventa tuo compagno di lavoro, cogli la bellezza della possibilità di crescita, uno scambio…ma Alice nel paese delle meraviglie ormai ha 32 anni, ha capito, finalmente, dopo 9 anni di lavoro, che selezionerà i compagni di viaggio, non si lascerà ferire più così facilmente da chi la chiama amica e appena lascia l’ufficio sa che sarà criticata per la calza smagliata…

Quindi non voglio banalizzare questo disagio dicendo…ahhh l’invidia…no…secondo me esiste altro e per ora non ho voglia di capirlo…questo altro.

La mia risposta è il sorriso…e sì credo ancora nella bellezza dell’animo umano.