Ma un po’ di azzi vostri, no?

La storia infinita!!!

Dev’essere una questione di aria, cioè l’aria che si respira è costituita, oltre che da polveri sottili, da qualche sostanza che a contatto con il cervello va ad innescare delle aree della corteccia, quella più profonda, che dà ad alcuni la libertà, la vocazione, il diritto, di esprimere opinioni o giudizi in merito agli azzi miei indipendentemente dall’aver chiesto o no pareri.

Questo è il mio dilemma di oggi. Mi sono interrogata più e più volte sull’argomento. Diciamo pure che la gente, generalizzo, è portata alla ricerca dell’edonismo, e questa ricerca è dunque personale, se io trovo l’acme edonistico nel cioccolato in ogni suo stato, in una giornata di sole in cui sono di riposo, nella compagnia di un amico, esiste anche persona dotata di medio/alto intelletto che trova, evidentemente, piacere nel ficcare il naso nelle scelte altrui, sparpagliando deiezioni e arricchendo di dettagli fantasiosi i pettegolezzi sui suddetti azzi degli altri.

PERCHÉ?

Ho cercato sul web letteratura inerente. A parte numerosi forum in cui chi chiede spiegazioni passa dalla parte della “vittima”, ruolo che non mi va di interpretare, ho trovato un sito spassoso…geniale!

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Gente_che_non_si_fa_mai_i_cazzi_suoi

Quindi ho preso spunto da uno scrittore gesuita spagnolo del XVII secolo un certo Baltasar Gracian…uno saggio che scrive questo:

Prevenire le voci maligne. Il volgo ha mille teste, e perciò possiede migliaia d’occhi per la malizia e mille lingue per il discredito. Avviene talora che corra tra la gente una voce maligna che reca disdoro al credito più grande, e se mai giunge a diventare sentenza comune, distruggerà del tutto la reputazione. In generale le si offre un punto d’appoggio con una marchiana scortesia o con ridicoli difetti che danno plausibile materia alle sue maldicenze; vi sono però pettegolezzi che passano dall’emulazione di pochi alla malizia di molti, sì che le bocche malevole divengono numerose e rovinano un’altissima fama più velocemente con un motto di spirito che con un aperto attacco. È assai facile farsi cattiva fama, perché il male è sempre credibile e si fatica molto a cancellarlo. Cerchi perciò l’uomo saggio di non esporsi a siffatti affronti, contrastando con la sua prudenza l’insolenza , volgare, perché è più facile prevenire che rimediare.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Ragazzi questa è storia…e con questo è tutto!!!

Advertisements

PRIMO

Cosa ho fatto oggi?

Sono andata a fare mattino 7-14.

Ieri a casa di madre cena abbondante, vino brillante, notte serena questa mattina mi sentivo ancora piena come un uovo. E mi sono anche privata del secondo per evitare di digerire dopodomani…il dolce quello no…non si può saltare!

Mi sono sentita una chef…ho cucinato antipasti, ho manovrato sac à poche e fatto polpette di lenticchie dal cuore filante… ho quindi scoperto che…mangiare è sempre meraviglioso, mangiare cibo buono e fatto con AMORE è ancora meglio…

La cosa più complessa è fermare la voglia di cibo ipercalorico…ora che il mio stomaco, messo a tacere per mesi dietro a costanti diete, iper attività fisica e pranzetti contenuti a basso regime di carboidrati, si è dilatato senza troppo sforzo e con gioia di fronte a salumi, pesce, insalata russa, casoncelli e lardo da spalmare…ora che ho graziato i miei sensi, sarà più difficile tornare a come era prima delle feste…la voglia di prelibatezze grassose permane! Cosa darei per una fetta di panettone artigianale…

Per la prima volta in vita mia ho fatto bilanci, ho guardato me nel corso di questi anni…ho sentito la fatica di arrivare meglio che potevo al giorno dopo, ogni giorno avevo il sentore e mi convincevo di non essere mai abbastanza, che dovevo fare di più, dovevo essere quello che non ero, sempre fare ed affannarmi, quindi, insoddisfatta, sempre affamata di qualcosa. In qualsiasi campo. Avevo sempre il senso di colpa, sempre il marchio…ho sbagliato io e questo pensiero di fallimento mi perseguitava…il dire e il non essere capace di dire.

Ho guardato indietro nel tempo, alla fatica del percorrere gli alti e i bassi, alla fatica del cammino da sola e a due, compresa la paura di perdere quello che avevo per via di “neo” e l’ansia che ne è emersa, la lontananza dal mio compagno sia fisica che di intenti, la fatica di guardarmi dentro e scoprire che bisogna sempre lavorare su se stessi per non essere preda dei propri limiti, per non farsi cambiare dagli altri.

Facile dire che tutto questo è una fase grigia della vita passata. Io ad oggi sono ancora così, ma sono anche mooolto diversa. Sono felice di cogliere in me quella ragazzina un po’ folle e un po’ inquieta, sento ancora tremulare i cocci del mio vaso se lo si urta appena appena, ma sono anche consapevole che mi amo così, che mi piaccio da morire!!!! Che sono abbastanza forte per evitare di farmi male, esco da lavoro e l’aria a volte profuma, altre volte sa di dado (la mensa è sempre all’opera), ma sono felice perché ho quello che amo vicino a me e che ho costruito con coraggio.

Ho capito che prima degli altri ci sono io, io e il volermi bene, e che spesso le situazioni spiacevoli o di sofferenza vengono messe lungo il sentiero che si percorre perché si deve capire qualcosa. Ed io l’ho capito! Ho capito che la vita ci dà delle chiavi per aprire cassetti chiusi. Qualche cassetto contiene qualcosa di noi, altri sono da riempire con informazioni ed altri ci forniscono la soluzione dei dilemmi che ci obnubilano.

Il meccanismo non è immediato, ovviamente più ci si interroga più la crisi aumenta…ma se la si prende come uno stimolo spettacolare, un senso momentaneo in attesa di una risposta, lo si trova. È segno di evoluzione. E poi forse capiremo.

Questo perché volevo solo esprimere gratitudine, gratitudine per quello che ho e per quello che sono, gratitudine per questa pace dentro.

Oggi è il primo giorno di un nuovo anno, ma solo sul calendario…io mi auguro che ogni giorno sia così. Mi auguro ricerca e qualità nelle relazioni, mi auguro alti e bassi che possano fortificarmi e aiutarmi a prendere la vita come si deve.

Mr bluemood lo scelgo ogni giorno, lui c’è per me nel modo giusto, il suo!!!!! Ci auguro di realizzare i nostri sogni, edi pensarnedi nuovi, di poter crescere insieme aspettandoci senza ansie, di poter gioire del nostro quotidiano, di meravigliarci, ci auguro follia e sentimento sempre.

Work in progress 

Ma quanto è bello dedicarsi alle cose che ci piace fare? Mi sono messa ad impastare un lievitato chiamasi Cinnamon roll cake. Lo provai ben 8 anni fa a Berlino, viaggio che mi regalai con la mia amica Zazie, post delusione d’ammmmmore infertami da “adone riccioluto”…per me era un adone vero e proprio. Quanto mi piaceva lui e i suoi ricci e gli occhi turchini. Proveniente da famiglia benestante, con una casa pazzesca in zona in della città, mi sentivo come in un film del ’68. Non so dire perché…forse per i suoi pantaloni di velluto. Finì perché sapevo non sarebbe durata…forse perché era dei pesci e…piccolo dettaglio aveva una biondina per amica.

Comunque nella metro tedesca U-bahn  piccoli chioschi offrivano squisitezze da leccarsi tutte le falangi, sandwiches, mini baguettes, bretzel di tutti i tipi e questi perfetti dolcetti a spirale che grazie al burro andavano lisci lisci dal bancone del chioschetto sino al mio stomaco a prezzi irrisori.

Poco tempo fa girovagando qua e là, nella rete, mi sono imbattuta in diverse e snellissime food blogger (come faranno?)che proponevano la ricetta del mio dolce di consolazione amorosa.  Internet mi ha quindi ispirata. 

Non so se amate la cannella, io si moltissimo, e non so cosa ne pensate del burro (non può mancare nel mio frigo, fosse salutare e dimagrante una volta a settimana mi regalerei una demi baguette con il burro salato). Questi sono gli ingredienti principe della ricetta. Quindi mi sono messa all’opera, planetaria ha fatto la sua parte in modo egregio, io ho finito a mano di impastare e…sentire un impasto così morbido ed elastico é solo merito del burro, il cui profumo è ancora sulle mie mani.

Ultimo pensiero va al mio mr bluemood,  con cui ho intrapreso un nuovo progetto a lungo termine, che con tanta pazienza e fiducia assaggia le mie creazioni culinarie, amerà il butter cinnamon cake!!! 

Appena appena…

Ho deciso di rompere il silenzio.

Non ho abbandonato questo mio spazio, l’avevo solo sepolto tra la polvere, ed ora che ho fatto pulizia, posso dare libero sfogo ai miei pensieri.

Andando per ordine, Mr bluemood ed io abbiamo deciso di compiere il grande passo, quello di convolare a nozze, finalmente, siamo felici e lui non è poi più così blue, anzi ha un bel colorino!!

Ma quello che oggi voglio esprimere è la mia delusione sul mondo femminile. Mai avrei pensato di dover dire una cosa come questa, mai in vita mia avrei creduto di poter perdere fiducia nelle mie simili. Sia ben chiaro ho riflettuto a lungo, per un anno intero su questa tematica, e appena appena si riacquista fiducia, un qualsiasi cosa mi disillude!

Esistono tipologie di donne molto diverse, io non voglio fare un trattato, ma analizzo i rapporti che si creano nell’ambiente lavorativo soprattutto quello a prevalenza femminile. Cosa succede, dunque in questi contesti?

Si hanno diverse categorie:

La full time indaffarata tra lavoro e famiglia e tutto il mondo che sta fuori, a lavoro trova sfogo dalla famiglia, tendenzialmente si fa i fatti suoi e non disprezza il lavoro.

La full time fashion victim divertente e stravagante, quando la si ascolta alle volte si trattengono le risate, altre volte vorresti sotterrarti…tendenzialmente si fa i fatti di tutti.

La full time single è alla ricerca di qualcuno che la possa amare o non cerca nessuno. Spiritosa o taciturna.

La full time single acida, qui saliamo di categoria, si tratta di una donna moooolto arrabbiata con il genere maschile e, la maggior parte delle volte ha ragione di esserlo, non vuole avere più niente a che fare con l’altro sesso, vede di cattivo occhio tutte le colleghe accoppiate, pensa che tutte le relazioni siano tristi e che la donna in coppia sia o sottomessa o tiranna. Vorrebbe avere un uomo, ma dice di aver raggiunto un proprio equilibrio.

La full time “sfigata” alias colei che viene a lavoro per lavorare, prova piacere a scambiare chiacchiere e confidenze con i propri colleghi e cerca di rimanere sul vago sulla propria vita privata. Tendenzialmente non cerca il pettegolezzo ed è l’ultima a sapere le novità.

La part time si divide in: colei che nonostante abbia meno ore da lavorare sa più di te che sei full time, tendenzialmente è informata da delle colleghe sulle chiacchiere. E poi c’è la part time che si lamenta perchè è stanca e tu che sei full time vorresti farle violenza e poi quelle part time che quando vengono a lavoro sono in vacanza…rilassate senza occhiaie e tranquille.

Queste descrizioni non sono per screditare il genere femminile, ma per aiutare a capire e riflettere la multi-sfaccettatura e la complessità dei rapporti interpersonali lavorativi tra donna e donna. Mi spiego meglio.

Molto spesso mi sale il sangue alla testa quando sento parlare di solidarietà femminile, o di come sono forti le donne, superano tutto, sono più mature ecc…è tutto vero, ma alcune donne, mettono in discussione tutte le caratteristiche positive che ci contraddistinguono.

Questo discreto gruppo, di iene ridens travestito da agnellini innocenti e teneri, è sempre pronto a provare pura gioia se una collega è in difficoltà. Scrutano con i loro occhietti vispi i movimenti di chi non è degno di appartenere al branco, con avida fame di cogliere la povera in errore durante il lavoro…eh se per disgrazia questa è appena appena più in gamba professionalmente di loro, se questa appena appena ha una vita fuori dal lavoro e la vive con felicità, se questa appena appena non coglie il marcio in ogni persona che si incontra, se questa appena appena è più carina di loro…allora sei fottuta…si va a toccare la vita personale e quindi si dà il via al toto-pettegolezzo rigorosamente fatto alle spalle della sfortunata, ma essendo l’ambiente fatto di donne, prima o poi, più prima che poi, le cose saltano fuori…quindi cosa fare?

Non ho una risposta, le iene ci sono sempre state e sempre ci saranno, oggi sono io il loro bersaglio, domani toccherà a qualcun’altra…basta che se ne parli…ed è gia un successo!

Mi sorprendo a giustificare i commenti di questo discreto branco perchè cerco di collocarle nella vita reale, fuori dall’ufficio o dal negozio o dal reparto…cercano di fare gruppo e di trovare il marcio per sentire meno il peso della propria esistenza?

Non ho una risposta. Mi ritengo fortunata ad avere una mia testa con cui pensare e non dover per forza voler cercare di far gruppo alle spalle delle altre. Le parole feriscono, gli sguardi fanno male. Ed io non sono nessuno per giudicare.

Sono stata educata a cercare il bello nelle persone, a sentirmi ricca nel condividere con altri momenti e spazi.

E’ come un viaggio, incontri gente che diventa tuo compagno di lavoro, cogli la bellezza della possibilità di crescita, uno scambio…ma Alice nel paese delle meraviglie ormai ha 32 anni, ha capito, finalmente, dopo 9 anni di lavoro, che selezionerà i compagni di viaggio, non si lascerà ferire più così facilmente da chi la chiama amica e appena lascia l’ufficio sa che sarà criticata per la calza smagliata…

Quindi non voglio banalizzare questo disagio dicendo…ahhh l’invidia…no…secondo me esiste altro e per ora non ho voglia di capirlo…questo altro.

La mia risposta è il sorriso…e sì credo ancora nella bellezza dell’animo umano.

 

Vincere l’ansia facendo di meno

Mi sono imbattuta in questo articolo de l’Internazionale…

Ogni volta che qualcuno dice che “al mondo esistono due tipi di persone” – gli estroversi e gli introversi, i realisti e gli idealisti, gli ottimisti e i pessimisti – state sicuri che sta semplificando. Tuttavia, una distinzione utile esiste: nei nostri rapporti con gli altri quasi sicuramente siamo iperattivi o ipoattivi. Davanti a un problema, possiamo decidere di prendere in mano la situazione, attaccare la lista delle cose da fare e offrire consigli che riteniamo utili, oppure ci facciamo da parte, chiediamo aiuto, speriamo che sia qualcun altro ad assumersi la responsabilità e ci chiamiamo fuori.

Detta così, sembra che gli iperattivi siano persone concrete e vincenti (anche se leggermente fastidiose), mentre gli ipoattivi siano solo parassiti. Ma la verità è molto più complicata, e anche più interessante.

Il rapporto si fossilizza e ognuno accusa l’altro di essere troppo pigro o troppo brontolone

Il problema, secondo Murray Bowen, lo psicologo che ha proposto questa distinzione, è che in un rapporto questi due tipi di persone finiscono per entrare in un circolo vizioso in cui si rinforzano a vicenda.

Il primo si assume più responsabilità di quante dovrebbe, per esempio nei lavori di casa, nei rapporti con i figli, nel prendere decisioni economiche, perché altrimenti nessuno lo farebbe. Ma questo non fa che rinforzare la dipendenza dell’altro, che veramente non fa più nulla e costringe l’iperattivo a svolgere sempre più compiti. Il rapporto si fossilizza, e ognuno accusa l’altro di essere troppo pigro o troppo brontolone.

Una volta capito il meccanismo, se ne possono vedere esempi ovunque: non solo tra le coppie sposate, ma anche tra gli adolescenti, che diventano più passivi quando i loro genitori insistono perché prendano iniziative, o tra i capi che più si immischiano nel lavoro dei loro sottoposti più sono costretti a farlo perché questi non si assumono nessuna responsabilità.

Chi assume il controllo lo fa per controllare la propria ansia

Se state leggendo questo articolo, e se vi interessa questo genere di problemi, è probabile che siate tipi iperattivi come me (diciamo la verità, dare consigli agli altri su come dovrebbero comportarsi in fondo è un modo patologico per voler avere tutto sotto controllo). La questione più spinosa è che l’iperattivismo non è quasi mai considerato un problema. Sia gli iperattivi sia gli ipoattivi tendono a pensare che l’iperattivo sia una persona pragmatica e concreta, mentre l’ipoattivo è un “bambino difficile”, il partner debole in una coppia, o un dipendente poco motivato.

Ma in realtà, chi assume il controllo lo fa per placare la propria ansia, e chi accetta di essere controllato lo fa per lo stesso motivo. “Gli iperattivi”, dice Brené Brown, “preferiscono fare che soffrire”.

Rompere questo schema non è facile, perché gli iperattivi dovrebbero tirarsi indietro e fare di meno, il che significa permettere che qualcosa possa andare storto e sopportare l’ansia che ne deriva (Harriet Lerner, che ha reso famosa questa dicotomia nel suo libro La danza della rabbia, lo chiama “restare in attesa”, non assumersi le responsabilità dell’altro né cedere all’emotività).

E all’inizio non aspettatevi che il partner passivo sia contento, perché anche essere spinti ad assumersi maggiori responsabilità provoca ansia. Ma è l’unico modo per uscire dal circolo vizioso. Per citare la psicologa Carin Rubenstein, gli iperattivi hanno bisogno di un nuovo motto: “Fate meno di quello che potete!”.

Chi diceva, o meglio cantava, che noi donne siamo dolcemente complicate?

Sì, complicate nella nostra semplicità.

Eppure alle volte siamo semplici per davvero!!!

Mettiamo i puntini al posto giusto e l’unico impegno richiesto, a coloro o colui che ci stanno accanto, è quello di collegare tra loro i vari punti in modo da ottenere una bella immagine esplicativa…più chiare di così? Ovviamente non discuto sulla scelta di avere accanto un essere complicato e soprattutto iperpensante che i puntini non li completa, ma che ti pone dei rebus da risolvere!!

Però ci stressiamo. Ebbene sì, ci stressiamo. Il nostro stress, in realtà, non è nient’altro che una definizione, forse negativa, al nostro voler vivere intensamente quello che la vita ci propone…ma non solo relativo alla nostra di vita, anche a quello che riguarda la vita degli altri che ci sono più o meno vicini: i componenti della famiglia di sangue, i partner, gli amici, i parenti, i colleghi, i vicini di casa, i parenti degli amici, i figli degli amici dei colleghi…ecc

Sono a casa dal lavoro e mi stresso. E chi non lo è, mi verrebbe da dire? Forse chi pratica la meditazione o chi ha semplicemente imparato a lasciare andare…? Work in progress!!

Tutto questo nasce dal fatto che mi sveglio al mattino presto…tipo alle 5, che le mie notti non sono più riposanti come un tempo, che un familiare si fa prendere da angina, che lo stesso familiare, scoagulato, questa volta in moto, debba imbattersi con una macchia d’olio sull’asfalto e che certamente avere delle aspettative nei riguardi del proprio compagno non è di aiuto.

Insomma oggi ho eseguito un trattamento di pulizia del viso associato ad un approccio olistico, suggeritomi da un’amica…perchè lo stress mi causa inestetismi simil adolescenziali. Quindi, olisticamente parlando, riconfermata la triade della mia esistenza: stress, difficoltà a verbalizzare quello che penso, diaframma bloccato. Quando finalmente riuscirò ad esprimermi sarò libera!!

Adolescenza a parte, e tariffa del trattamento a parte…siamo sempre qui!

Non credo di essere l’unica a far fatica ad esprimere il proprio pensiero! Se dovessi tirare fuori tutto quello che penso ogni qual volta fosse necessario, credo che sarei costretta a vivere da stilita, su di una colonna, ferma immobile a meditare. Il mio problema è che non ho i modi e non so far ragionare chi a priori pensa di aver ragione e mai cambierà idea.

E in amore, si è in continua evoluzione, a volte si torna indietro, altre si resta in attesa…e le aspettative si scontrano, e cambiano, e restano in stand by, si ricerca un equilibrio, si cresce e poi mi dico che è bello stare a casa insieme la sera..e che è bellissimo ridere!!

Cosa posso aggiungere, speriamo che il trattamento olistico faccia il suo corso!!

Leggendo

“Ce ne sono milioni meglio di lui!
E con questo? Ce ne sono milioni anche meglio di me. Comunque io non conosco quelli meglio di lui e non posso consumar la mia vita ad aspettar di conoscerli. E poi se dovessimo cercare la perfezione in un uomo, si amerebbero i santi. I santi son morti e io non vado a letto col calendario”

Ho letto che nelle relazioni d’amore regna sovrana l’insicurezza e che metaforicamente ci si ritrova a navigare una zattera, quella dell’insicurezza, senza avere nozioni di marina. Più si è insicuri più l’altro si allontana. Più si è insicuri più si diventa irrazionali. E come una reazione a catena si sbaglia con il rischio di perdere.
La sicurezza, la salvezza, la cura, non le si trova nell’altro.

L’amore deve accettare, sopportare un elevato grado di ansia e  senso di incertezza, se alla passione non seguono un impegno  morale e un’assunzione di responsabilità nei confronti dell’altro. L’incertezza e l’angoscia che ne 
derivano sono oggi accentuate dalla tendenza consumistica a non farsicarico di alcun obbligo, di alcuna promessa che leghi per sempre. Nessuno vuole pagare il prezzo della sicurezza con la perdita della libertà di sfruttare altre opportunità future, quando si  presenteranno. Così tutti i rapporti rimangono per lo più in bilico e sempre più brevi, esitanti, indeboliti da una contraddizione fatale. 
Avere figli oggi è una decisione carica di tensione, estremamente  difficile perché gravida di penose
conseguenze, perché può precludere  possibilità di carriera, imporre di assumere un impegno irrevocabile  per un tempo indeterminato, cioè praticamente per sempre: tutte  condizioni in contrasto, osserva Bauman, con la tendenza generale dellavita  liquido-moderna, che esclude di assumere impegni.