Valencia day by day #4 #5

29 Maggio 2014

Morella…

Cittadina medievale a 1000m sul livello del mare. Questo è il primo e unico dato importante da tenere a mente. Infatti qui il vento soffia e se il sole non se la sente di venir fuori, e le nuvole, seppur bianche, non ce la fanno ad andare via, fa davvero freddo, quindi non meravigliatevi di vedere a fine maggio negozietti che propongono maglieria di lana…Purtroppo non abbiamo valutato il fattore altitudine e abbiamo lasciato Valencia indossando sandaletti e vestitini estivi…ma nonostante ciò anche con i sandaletti la visita della cittadella è fattibilissima.

 

Image

Lasciamo l’auto all’inizio delle mura e proseguiamo a piedi e ci troviamo direttamente nel cuore di Morella, che ricorda la Baviera, per le travi in vista e il porticato ricoperto di legno…Qui troviamo numerosi negozietti, panifici, pasticcerie e ristorantini.

Image

Image

Ci dirigiamo verso la Basilica Santa Maria La Mayor, esempio di gotico spagnolo a cui si accosta il trionfo barocco dell’altare maggiore.

La cosa che ci colpisce di più è il coro, con volte a crociera, e la scala a chiocciola con scolpite foglie di vite, chiocciole, gechi, pavoni  e puttini.

Image

 

Image

Soddisfatte anche questa volta ci dirigiamo, baciate dal sole, verso il castello di Morella. Questo tesoro medievale si erge su di una collina e mostra, una volta arrivati in cima, un panorama unico delle montagne vicine.

L’ingresso è 3.50€, si accede subito nel chiostro e nella sala che ricorda una chiesa con volta a capriate. Il percorso, privo di scale, continua poi tra le rovine del castello. Arrivate in cima, tutto intorno solo monti, cielo e vento…e pale eoliche!!

Image

Il nostro pomeriggio si divide tra San Mateu, piccolo comune a sud di Morella, famoso per la sua storia di commercio della lana e la sua piazzetta. In realtà ci sono anche dei resti romani e un lavatoio pubblico ancora in auge…

Image

E infine ci spostiamo a Peniscola, sul mare, qui i nostri occhi gioiscono guardando il blu del cielo e del mare…sembra quasi di essere in Grecia…ebbene no, siamo sempre in Spagna. Si tratta di una cittadina tipicamente turistica, con un lungo mare ricco di ristorantini e negozietti, sulla spiaggia potreste anche incontrare spagnoli che fanno kitesurf…Image

ma la cosa che a noi piace tanto è il centro storico…una lingua di terra che domina su tutta la città, qui viuzze e scalette si mescolano con le mura, e le case sono tutte bianche.

Decidiamo di fermarci per cena…dopo una buonissima grigliata di carne, che ci mette davvero alla prova, ci viene offerto più e più volte l’Anno Santo un liquore giallo molto soave…ringraziamo Joaquim.

Image

Image

 

30 Maggio 2014

Giornata tipica Valenciana, visitiamo il museo di Belle Arti della città che…è gratuito. Per giungervi ci facciamo una bella passeggiata nei giardini del Real dedicati ad un personaggio importante per i valenciani Maximiliano Thous Orts,

Questi giardini offrono il sentiero dei Poeti, ed è qui che abbiamo incontrato tre giovini francesi che leggevano poesie…

Image

Il museo di Belle Arti San Carlos ospita opere di Goya, El Greco e Velasquez. Innumerevoli le opere di carattere sacro e pale di altare. Tra queste anche alcune opere del Pinturicchio e di altri italiani.

Dopo l’arte…passeggiata lunghissima sino alla ciudad dell’arte e della scienza passando nei giardini del Turia…

Spendiamo qualche parola per questi giardini. Oltre alle numerose piante e palmeti, pappagalli popolano questo angolo di Valencia, ma non solo, persone che corrono, vanno su skate e roller, poliziotti a cavallo, famigliole e gruppi di vacanzieri in bicicletta, baldi giovani che seguono il percorso vita e pompano i loro bicipiti…cani a passeggio…bello!!

La cittadella della scienza ci affascina molto, le strutture architettoniche che la compongono sono uniche nel loro genere e le vasche giganti d’acqua ci fanno venir voglia di tuffarci…

Image

Visitiamo l’oceanografico, il più grande acquario d’Europa. Dalla medusa microscopica, al leone marino, alla murena, al beluga (temerissimo) al pinguino, passando per i fenicotteri. Ben organizzato, infatti l’acquario si struttura in base agli ambienti marini, Artide, Antartide, mar Rosso, Pacifico, Indiano…

Sono presenti anche le tartarughe e i delfini. Ma per le tartarughe serve la guida e un altro biglietto, e per i delfini ci sono gli spettacoli, inclusi nel caro biglietto (26€) solo due volte al giorno!!!

Qualche foto dell’acquario.

Image

 

Image

La serata inizia assaggiando finalmente l’Agua de Valencia presso la Plaça del Negret ed è buonissssssima!!

A cena Paella Valenciana con le lumache e Sangria!!! Vi consigliamo il ristorante Ocho y Medio perché non usa le bustine per fare la Sangria!!!

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s