Storie di cibo, di nubi e di vento

Finalmente in vacanza…

Contornata da inglesi over 60…mi sento un po’ anziana dentro!

Questi mangiano tanto, davvero tanto!

La colazione è quasi apocalittica, tutti continuano a muoversi per accaparrarsi un tavolo, se per errore ti avvicini ad un tavolo già occupato, rischi, nonostante la britannica gentilezza, una condanna morale…cosicché tutti gli altri vecchietti si guarderanno dallo starti vicino…ehm…poco male!

La colazione caratterizzata da rumori continui di sedie che di spostano e piatti che si riempiono e si svuotano, di posate che poggiano sul piatto, o che vanno alla bocca, di mandibole masticanti e di denti attivi sul boccone.

I piatti sono gremiti di prelibatezze di origine animale e vegetale di nazionalità germano-anglosassoni, che poco trovano il mio gusto, ma che sicuramente mi permettono di fare uno studio.

I grassi non fanno poi così male se…all’età di  60 e passa anni questi ospiti godono di buona salute e di un lieve sovrappeso!

Io ed il mio quasi banale pasto fatto, spulciando attentamente tra le cose che potrebbero piacermi, da yogurth e frutta secca…un po’ ci vergognamo.

Va bene…niente uova e bacon per me…ma sarà questo forse il segreto dell’eterna giovinezza? Perché privarsi dei piaceri del palato e soffrire continuamente facendo sacrifici alimentari e andando a correre la mattina o la sera in mezzo ai campi dietro le scuole medie?

Insomma…questo è un mistero!

Il pranzo però lo saltiamo, dopo l’abbuffata delle 10!

La cena la fa da padrona…golosità del territorio? Noooo ancora una volta cucina continentale…e piatti sproporzionati per l’ampiezza degli stomaci…

Per lo meno come dice il mio mentore dell’alimentazione…mangiate tanta verdura!

Per fortuna i paesini limitrofi offrono una cucina tipica che oltre ad essere sostenibile è veramente buona.

Ed ecco che si scoprono minuscole botteghe in cui il cuoco cucina come avrebbe fatto mia nonna e che la signora che ci serve al tavolo potrebbe essere mia mamma e, cosa che mi sorprende sempre, anche se non si parla la stessa lingua…ci si comprende perfettamente!!

Il vento è onnipresente ed oggi, che ho scelto di prendere il sole…le nubi si accumulano minacciose!!

Farò un salto allo snack point!!

Advertisements

One thought on “Storie di cibo, di nubi e di vento

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s