Meriggiare

Il mio allenamento per Santiago lascia a desiderare…ma ultimamente sono più assidua del solito…
Quindi passeggiamo!!!
Ho riscoperto stradine che da 20 anni avevo dimenticato…
Via gli auricolari…
…solo il silenzio, i grilli, il rumore delle mie scarpe sulla ghiaietta e i miei pensieri come compagnia!!!
Il sole che timido si fa vedere mi scalda e dopo un’ora di cammino mi viene in mente Montale e la sua meriggiare pallido e assorto!!!
Camminavo ed avevo l’impressione di essere tornata a quindici anni fa…
E da lì alla poesia di Montale il passo è stato breve…
Ma la cosa più sorprendente è stata il ricordo della mia adolescenza…
In primis le primavere ed i ciliegi in fiore lungo il viale delle scuole elementari, le corse in bici con gli amici, la leggerezza d’animo e l’incoscienza che mi faceva sembrare coraggiosa!!!
E in quel momento ho avuto fiducia…fiducia verso il futuro….
E Montale è stato, e resta, il mio autore italiano preferito!!IMG_5302.JPG